Dizionario di arte e filosofia

Man Ray

Pittore, fotografo, disegnatore, scultore e regista americano, attivo per la maggior parte della sua carriera in Francia. Il suo nome anagrafico era Emmanuel Radinsky, ma utilizzò il soprannome di Man Ray già a quindici anni perché i suoi coetanei lo prendevano in giro a causa del cognome straniero. Dopo aver visto l' Armory Show nel 1913, cominciò a dipingere in stile cubista. Nel 1915 si avviò la sua lunga amicizia con Marcel Duchamp e, insieme a Picabia, essi furono i principali esponenti del movimento dada a New York. Collaborò anche con Duchamp e Katherine Dreier alla costituzione della Société Anonyme nel 1920. Nel 1921 si trasferì a Parigi, dove continuò a portare avanti la ricerca dada, per poi entrare nel movimento surrealista. Per molti anni si guadagnò da vivere soprattutto come fotografo di moda e ritrattista, ma ricominciò a dipingere regolarmente dalla metà degli anni Trenta. Nel 1940 tornò in America per sfuggire all'occupazione nazista di Parigi, stabilendosi a Hollywood, per poi tornare definitivamente a Parigi nel 1951.
( Filadelfia 1890 - Parigi 1976)
Dagli anni Quaranta in poi la fotografia assunse per Man Ray un ruolo sempre più marginale, ma è grazie a questa attività che la sua reputazione si è consolidata. Negli anni Venti e Trenta fu uno degli artisti più creativi in questo campo, in particolare per l' utilizzo della raiografia, una fotografia prodotta senza macchina fotografica, posizionando oggetti direttamente sulla carta sensibile ed esponendoli alla luce, e per lo sviluppo della tecnica della solarizzazione (la completa o parziale inversione dei toni di un'immagine fotografica). Tra le donne glamour apparse nelle sue fotografie si ricordano Meret Oppenheim, la modella Kiki di Montparnasse (Marie Prin, 1901-1953), con la quale visse per parecchi anni, e la sua assistente Lee Miller, che a sua volta divenne una fotografa molto richiesta e che più tardi sposò Roland Penrose. Oltre alla notorietà come fotografo, Man Ray si è meritato fama internazionale come una delle figure preminenti tra dada e surrealisti. Molti dei suoi oggetti sono diventati icone dei movimenti, come Gift (1921), un ferro da stiro con una fila di chiodi sporgenti dalla parte piatta (l'originale non esiste più; una ricostruzione è al MoMA di New York).


torna al Dizionario