Dizionario di arte e filosofia

acquerello

tecnica pittorica che consiste nel dipingere su carta con colori trasparenti mescolati in genere a gomma arabica, stemperati in acqua al momento dell'uso.
Il bianco dello sfondo viene solitamente lasciato scoperto in funzione di colore. Già noto dell'antico Egitto (papiri) e in Estremo Oriente (dipinti su seta e carta di riso), l'acquerello ottenuto con colori mescolati ad albume d'uovo venne utilizzato in Europa medievale per la decorazione di manoscritti.
L'acquerello differisce da altre tecniche pittoriche quali il guazzo, la tempera, e la miniatura per il fatto che i colori chiari vengono qui ottenuti mediante l'aggiunta di acqua e non di pigmento bianco.
L'acquerello venne sporadicamente utilizzato in epoca rinascimentale; più diffuso durante il secolo XVII fu l'uso dell'acquerello monocromo in bistro bruno o seppia chiara su disegni a penna di figure o paesaggi.
L'acquerello comincio a essere usato in modo estensivo dagli artisti inglesi del secolo XVIII e dei primi decenni del XIX.


torna al Dizionario